Addio Michele

Nel mio blog non scrivo mai di cose tristi, ma oggi sarà la prima volta che lo faccio. Mi sono svegliata questa mattina con una notizia che non avrei mai voluto ascoltare. Appena aperto gli occhi ho aperto il mio smartphone, ho aperto Facebook e ho letto che Michele Scarponi è morto in un tragico incidente: è stato investito da un furgone questa mattina mentre si allenava.

Sono sconvolta dalla perdita di questo campione che a detta di tutti era una persona buona, generosa e sempre allegra. A 37 anni forse inizi a essere vecchio per lo sport ma sei ancora giovane per morire. Stanno scrivendo tutti su di lui, blog e giornali, e non posso aggiungere nulla rispetto quanto stanno dicendo se non il fatto che ho paura. Ho paura perché la bici è mia passione, andare in bicicletta mi rende felice e ho paura che possa capitare anche a me e miei amici. È un rischio che corro ogni giorno ma vorrei smetterla di rischiare, vorrei strade più sicure. Voglio non avere paura. Spero che la perdita di questo campione faccio aprire un po’ gli occhi.

Per adesso posso solo augurare a Michele un buon viaggio… quest’anno il Giro d’Italia sarà un giro a vuoto.
Ciao Michele

Foto presa da Notizie di Ciclismo

I commenti sono chiusi.