Amibici, Morimondo e il triangolo dei Navigli

Amibici Milano è un gruppo su Facebook che unisce persone che condividono la passione per la bicicletta e che con essa desiderano scoprire nuovi territori, conoscere persone nuove ed anche un po’ più sé stessi attraverso l’esperienza della condivisione. E’ un progetto che non a caso unisce le due parole amici e bici e la cui filosofia è stare bene insieme, essere solidali e rispettosi verso la natura, i luoghi e le tradizioni locali che si incontrano lungo il cammino. Il mio amico Claudio Lupi ha fondato questo gruppo circa 2 anni fa e da allora sono stati realizzati più di 50 eventi ciclo escursionistici . Attraverso Facebook, Claudio e gli altri amministratori organizzano gli eventi e raccolgono le adesioni dei membri fino al raggiungimento di un numero massimo di partecipanti stabilito in base alla difficoltà del percorso o ad altre valutazioni. Gli amministratori non percepiscono proventi dai membri del gruppo o da sponsor ma organizzano e guidano le uscite perché mossi da una vera passione che li spinge a condividerla con altri. Le uscite quindi sono gestite nello spirito di condivisione e anche di auto gestione, perché gli amministratori non hanno il ruolo di guide turistiche, meccanici, animatori o altro. Sono amici che conoscono un percorso e hanno piacere di farlo scoprire agli altri.

Quando Claudio mi ha proposto di diventare amministratore ho avuto molta paura, ho pensato che stesse sopravvalutando le mie capacità e che non sarei stata in grado di farlo. Ovviamente un po’ lo penso ancora… Ma ho deciso di tentare e di misurarmi con una nuove sfida. Finora ho sempre preso la bici e pedalato dove, come, con chi, quando e fino a quando ne ho avuto voglia. Anche le mie esperienze di viaggio in bici sono sempre state organizzate da tour operator e assistite da preparatissime guide, capaci di guidare gruppi numerosi e di intervenire in ogni situazione. Pensare di mettermi io dalla parte di chi organizza, guida e deve intervenire nei momenti di difficoltà mi pone ancora dubbi… Ma è il momento di mettersi in gioco e rischiare per condividere con gli altri il mio entusiasmo, la mia passione e anche i valori nei quali credo. In fondo ho già iniziato a farlo con questo blog. Per scrivere i miei pensieri e le mie esperienze in rete ho dovuto superare alcune resistenze iniziali e vincere la timidezza, arrivando poi addirittura a fare dei “coming out” e a parlare di cose di cui nessuno sapeva. Perché allora non continuare a comunicare apertamente anche nel mondo reale e ancora meglio mentre si pedala? La bici è ciò che mi muove l’anima, su due ruote mi muovo su questo pianeta e ricompongo tutta la mia storia da quando sono nata. Così a Claudio ho detto sì! Da qui, chissà dove mi porteranno le ruote? Sarà una scoperta.

Per il mio primo evento, ho scelto un percorso che conosco bene, nelle mie zone. La classica gita a Morimondo di 65 km totali attraverso un percorso ad anello (anzi… a triangolo!) percorrendo i tre Navigli (Grande, di Bereguardo e Pavese). Un gruppo di 10 persone, ci siamo incontrati alla stazione di Romolo ieri mattina alle 10. Conoscevo solo Claudio e Tamara, che ho conosciuto a Valencia e che ho rivisto con piacere dopo due settimane, e una volta concluse le presentazioni siamo partiti! Chiacchierando e pedalando per i primi 7 km, abbiamo attraversato il quartiere Barona e Buccinasco per arrivare a Corsico, dove ci siamo fermati per un caffè e una gonfiatina di ruote. Poi finalmente ci siamo collegati alla ciclabile del Naviglio Grande, ancora chiuso per lavori fino a Corsico, e abbiamo raggiunto la bellissima Gaggiano. Uno sguardo alla sua stupenda chiesa di Sant’Invenzio, e via! Pedalando fino ad Abbiategrasso, dove termina il Naviglio Grande e inizia il Naviglio di Bereguardo che conduce a Morimondo. Nel frattempo un timido sole ha tentato di scaldarci e farci sentire un po’ in vacanza. Claudio faceva da scopa e mi aiutava a tenere il gruppo compatto.

Amibici in sosta a Trezzano, Naviglio grande
Amibici in sosta a Trezzano, Naviglio grande
Tamara e Casybike si incontrano a Milano, dopo Valencia
Tamara e Casybike si incontrano a Milano, dopo Valencia
Insostituibile Claudio Lupi... Grazie!!!
Insostituibile Claudio Lupi… Grazie!!!
Gaggiano Naviglio
Gaggiano sul Naviglio grande (foto di viagginbici.com)
Naviglio di Bereguardo (Fonte Wikipedia)
Naviglio di Bereguardo
(Fonte Wikipedia)

Giusto il tempo di un pranzo veloce e di scaldarci nel bar dell’Abbazia, e siamo dovuti ripartire in modo da tornare prima del tramonto. La prossima volta, non mancheremo di visitare la splendida Abbazia dei monaci cistercensi! Quasi al termine del Naviglio di Bereguardo, abbiamo imboccato una strada sterrata che ha portato nel paese di Trovo dove abbiamo preso un caffè. A Binasco abbiamo incontrato la ciclabile del Naviglio Pavese che ci ha condotto dolcemente verso Milano. Verso le 17, alle porte di Milano, ci siamo salutati e mentre la maggior parte del gruppo è partita verso docce calde e minestrine, noi quattro irriducibili rimasti siamo riusciti anche a mangiare il gelato nonostante tutto il freddo preso durante la giornata! Dopo quasi 7 ore in sella, un gelato della Gelateria della Musica ce lo siamo meritato!
Sono tornata a casa decisamente infreddolita ma felice.
Grazie a tutti per la partecipazione, e grazie Claudio! E’ stata una bellissima giornata… A presto!!!

…E non perdetevi il video realizzato da Claudio!

Finalmente un po' di sole! Amibici al bar dell'abbazia
Finalmente un po’ di sole! Amibici al bar dell’abbazia
Abbazia di Morimondo
Abbazia di Morimondo
Naviglio di Bereguardo
Naviglio di Bereguardo
Naviglio Pavese
Naviglio Pavese
Navigli Morimondo
Il triangolo dei Navigli
Precedente Fiab Milano Ciclobby - Tesseramento 2015 Successivo Milano, una città che cambia