Caro Babbo Natale, regalami tanti viaggi in bici

Caro Babbo Natale,
Quest’anno sono stata bravissima… Ho lavorato con dedizione, ho chiamato la nonna tutte le settimane, ho pulito la lettiera del gatto (quasi) tutti i giorni, mangiato la nutella solo in condizioni di doping (ovvero prima di pedalare almeno 40 km), usato il filo interdentale (quasi) tutti i giorni, contato fino a 100 prima di mandare aff.. qualcuno, ma soprattutto devo dirti con orgoglio che ho pedalato per 4130 km (e saranno 5000 alla fine dell’anno sicuramente).
Quindi Babbo Natale, devo proprio dirti che per questo Natale mi piacerebbe che tu mi portassi tanti viaggi… In bici, ovviamente!
Me li sono meritati, in fondo… No?

Perché sai che sono felice quando sto in giro, vedo posti nuovi, e parlo con la gente… mi rendo conto di quanto la natura sia sorprendente e la vita un miracolo. Il tran tran quotidiano ci fa dimenticare troppo spesso di quanto la vita è bella, ma io la risolvo sognando ogni giorno nuove mete, e da quando ho scoperto il viaggio in bici poi… Non smetterei mai di pedalare in giro per il mondo.
Ci sono tanti posti che vorrei visitare in sella alla mia Wilier Triestina, e non saprei proprio da che parte iniziare! La lista diventa ogni giorno più lunga. Devo assolutamente scegliere almeno tre di questi per il prossimo anno.

1. Spagna – Isole Canarie
2. Slovenia – Lago di Bled
3. Slovenia e Croazia – Parenzana
4. Croazia – Dalmazia sud, isole Incoronate
5. Olanda – Tour bici e barca
6. Portogallo – da Porto a Sagres

Le isole Canarie
Sono un grande arcipelago di sette isole maggiori e due isole minori, tutte di origine vulcanica, fanno parte della Spagna e sono situate nell’Oceano Atlantico al largo dell’Africa nord-occidentale.
Sono innamorata delle Canarie già da diversi anni. Ho visitato Tenerife due volte, Fuerteventura e Lanzarote. Mi piacciono perché sono selvagge, c’è poca gente, sono in aperto oceano. C’è sempre vento, e mi sembra di respirare finalmente. Mi sento viva…
Sono le isole dell’eterna primavera. Per 12 mesi le temperature sono miti, e anche nei mesi invernali sono in media intorno ai 19-25 gradi. In estate invece non fa mai caldissimo, non superano mai i 28-29 gradi, ma c’è una forte escursione termica quindi di sera, anche in Agosto, bisogna coprirsi.

Tenerife a Punta Teno (una delle mie foto, pescata a caso)
Tenerife a Punta Teno (una delle mie foto, pescata a caso)
L'arcipelago delle Canarie
L’arcipelago delle Canarie

Mi piace la vegetazione delle canarie, le sue piante di aloe, le dracene, le piantagioni di banane. E ho bellissimi ricordi di cene vicino al mare, pesce appena pescato “a la plancha” e “papas arrugadas con mojo”, ovvero patate novelle cotte nell’acqua e sale grosso condite con una salsa tipica locale.
Esiste il Capo in B Canarian version. E’ il “cortado leche y leche” con il latte condensato al posto dello zucchero che si deposita sul fondo formando uno spesso strato bianco, poi il caffè e infine il latte con la schiuma.

Capo in B Canarian version
Capo in B Canarian version
http://www.odealvino.com/armonie-dal-mondo/papas-arrugadas-le-patate-cucinate-come-alle-canarie.html
http://www.odealvino.com/armonie-dal-mondo/papas-arrugadas-le-patate-cucinate-come-alle-canarie.html

Un mio grande sogno è quello di vedere tutte e 7 le isole maggiori, e penso che in bici la loro bellezza sarebbe decisamente amplificata.
Le Canarie sono montuose, quindi gli itinerari vanno pianificati molto bene considerando (e direi anche evitando) le pendenze più dure. Basti infatti dire che alle Canarie si allenano professionisti come Nibali, Contador, Froome… e tantissimi altri… e io non ho le gambe per affrontare i loro percorsi! Alla larga!
Sai com’è, preferisco stare più vicina all’oceano… L’aria del mare fa bene.

Playa de Famara, Lanzarote
Playa de Famara, Lanzarote (sito www.playasycostas.com)

Quindi ecco che servirebbero circa 20 giorni.
Arrivo a Tenerife Sud con un volo diretto Ryan air e ripartenza da Lanzarote sempre con Ryan air.
Si trova facilmente alloggio, ci sono moltissime case che affittano stanze con tariffe molto basse, e anche pensioncine. Si trovano ovunque trattorie o agriturismi dove mangiare piatti tipici e prodotti locali (formaggi, “gofio” che è una specie di polenta, miele, patate e pesce).
Ci si sposta facilmente tra le isole con i traghetti, e quindi il percorso può essere il seguente:
Tenerife > La Palma
La Palma > Gomera
Gomera > Hierro
Hierro > Gomera
Gomera > Tenerife
Tenerife > Gran Canaria
Gran Canaria > Fuerteventura
Fuerteventura > Lanzarote

To be continued… per gli altri viaggi. Babbo, abbi pazienza che la faccenda è lunga.

E siccome domani è venerdì, l’ultimo giorno di lavoro prima del week end… di una cosa solo ho bisogno!
Di un litro e mezzo di caffè…

Stemo calmi... e deme un capo in B!
Keep calm… and give me a “capo in B”!
Precedente Two is the magic number Successivo La letterina continua... Slovenia in bici