La ciclabile Aquileia, Grado, Monfalcone

In questo magico week end a Trieste ho potuto fare finalmente un bellissimo percorso cicloturistico, che sognavo da molti mesi.
Da Cervignano a Monfalcone, tra mare e laguna, passando per Aquileia e Grado, tra rovine romane e meravigliose riserve naturali.

Questo itinerario di 56 km totali, unisce l’ultimo tratto e sbocco al mare della ciclabile Alpe Adria (che parte da Salisburgo e arriva a Grado) con la ciclabile FVG2 del litorale. E’ percorribile in buona parte su pista ciclabile in sede propria o su strade locali poco trafficate, solo l’ultimo tratto per Monfalcone è di 7 km su una strada provinciale molto trafficata.
L’itinerario può essere percorso da Cervignano a Monfalcone o da Monfalcone a Cervignano. Non è a mio avviso consigliabile raggiungere Monfalcone pedalando da Trieste, perché sono solo 30 km ma lungo la trafficatissima Strada Costiera priva di ciclabile. E’ quindi preferibile avvalersi dei treni regionali sulla linea Trieste – Venezia e scendere alle stazioni di Monfalcone o di Cervignano Aquileia Grado a seconda del giro che si sceglie di fare.
Una soluzione ideale, come abbiamo fatto noi, è noleggiare due ottime trekking bike Mathitech nel negozio Bikeways di v.le Miramare, giusto in fronte alla stazione.

Noi abbiamo optato per il percorso Cervignano – Monfalcone, e siamo scesi quindi alla fermata Cervignano Monfalcone Grado. Questa soluzione è la più semplice, perché da Cervignano si imbocca subito la ciclabile, si attraversa Terzo di Aquileia e si arriva ad Aquileia, la città più importante della regione “Venetia” insieme a Patavium (oggi Padova) nell’antichità romana.
Qui si può fare una prima sosta per visitare la grande Basilica romana, le rovine del foro Paleo Cristiano e del porto fluviale. Un buon caffè e una pasta alla pasticceria Mosaico davanti alla basilica e si può ripartire verso Grado seguendo sempre la pista ciclabile.

Il ponte diga attraversa la laguna e collega Grado alla terraferma.
La pista ciclabile corra affianco alla strada provinciale ma questo non toglie nulla alla magia di pedalare in mezzo al mare! Grado è fondamentalmente una cittadina balneare piena di alberghi e stabilimenti balneari ma c’è anche un bellissimo centro storico e un piccolo porto piacevoli per una passeggiata.
Noi abbiamo scelto di fare una sosta a Grado Pineta comprando il necessario per un pranzo leggero a base di frutta e yogurt in un Despar (viale Kennedy) spendendo decisamente molto meno che in un costoso bar del lungomare.
Le spiagge di Grado non sono certo quelle di Lignano o di Sistiana, se si hanno problemi con le alghe… il bagno è decisamente optional!

In pochi colpi di pedale lungo la ciclabile, che costeggia per un pezzo la provinciale, si raggiunge la Val Cavanata, area protetta formata da lagune, ricca di avifauna. Qui ci sono postazioni per osservare gli uccelli nel loro ambiente naturale e si può pedalare per un po’ in una oasi naturale lontana dal traffico e dai mezzi a motore.
All’improvviso ci si trova davanti alla spettacolare vista del golfo di Trieste e la città in lontananza. Se la giornata è buona riuscirete a scorgere il Castello di Miramare e il santuario mariano Monte Grisa sul Carso.

A Punta Sdobba si gira a sinistra e si percorre una strada sterrata che costeggiando il canale Isonzato, inizialmente nascosto ma lo si incontra dopo pochi km. Ci si trova poi sulla strada provinciale per Monfalcone.
E qui… addio piste ciclabili! Tocca pedalare per 7 km lungo una trafficatissima strada provinciale e occorre procedere in fila indiana e fare attenzione.
Finalmente arriviamo alla stazione di Monfalcone, il regionale per Trieste è molto frequente ed è solo una mezzoretta di viaggio. Ma noi, accaldati e disidratati, da buoni ciclisti, sognamo solo una cosa… Una Radler!
Al bar della stazione di Monfalcone siamo finalmente accontentati…

Si parte dalla stazione Cervignano Aquileia Grado
Si parte dalla stazione Cervignano Aquileia Grado

Si parte dalla stazione Cervignano Aquileia Grado
Si parte dalla stazione Cervignano Aquileia Grado

Cervignano Grado Aquileia
Aquileia e le rovine del foro
Aquileia e le rovine del foro

Aquileia e le rovine del foro
Aquileia e le rovine del foro
La Basillica di Aquileia
La Basillica di Aquileia
Una ciclabile che attraversa la laguna di Grado
Una ciclabile che attraversa la laguna di Grado
Nella riserva Val Cavanat
Nella riserva Val Cavanat
Nella riserva Val Cavanat
Nella riserva Val Cavanat
Nella riserva Val Cavanata
Nella riserva Val Cavanata
Nella riserva Val Cavanata
Nella riserva Val Cavanata
Nella riserva Val Cavanat
Nella riserva Val Cavanat
Due ciclisti nell'Isonzo
Due ciclisti nell’Isonzo

IMG_6760

La Radler, miraggio del ciclista
La Radler, miraggio del ciclista
Precedente Trieste, una perla tra mare e carso Successivo Keep calm and... AMIBICI! A Chiaravalle